Solare Termodinamico Domestico

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 2 Email -- 2 Flares ×

Solare Termodinamico Domestico Tecnologia utilizzata per la produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento ambienti o entrambe le cose in un’unica soluzione. Fondamentalmente è costituita da uno o più pannelli termici posizionati sul tetto di un edificio. All’interno dei collettori l’acqua viene riscaldata e trasportata al bollitore (recipiente di accumulo) oppure all’impianto di riscaldamento. Gli impianti per la produzione di acqua sanitaria possono essere a circolazione libera o forzata ed il giusto dimensionamento degli stessi può rispondere ad esigenze sia familiari che industriali. E’ prevista la detrazione fiscale della spesa sostenuta, con certificazione energetica dell’edificio, pari al 65% in 10 anni direttamente in dichiarazione dei redditi.

SOLARE TERMODINAMICO

I pannelli solari termici, sono impiegati sempre in abbinamento con sistemi di riscaldamento tradizionali, perché hanno l’inconveniente di non funzionare di notte o in avverse condizioni climatiche.

La nuova tecnologia dei pannelli termodinamici oltre a consentire il posizionamento non necessariamente sul tetto, funziona anche di notte e con temperature esterne molto rigide; sono leggeri e di dimensioni ridotte, quindi piuttosto maneggevoli e non richiedono manutenzione ma, grazie alla possibilità di sfruttare entrambe le superfici captanti, riscaldano l’acqua fino a 55°C, risultando idonei anche per il riscaldamento di grandi volumi, come quelli delle piscine.

La tecnologia si basa sul principio di Carnot (secondo principio della termodinamica).

Il sistema si compone di una pompa di calore, associata ad un pannello solare termodinamico. All’interno del circuito del pannello circola un liquido refrigerante a temperature comprese tra -5°C e -15°C.

Solare Termodinamico Domestico

Il pannello cattura il calore non solo del sole, ma anche dall’ambiente circostante, dalla pioggia e dal vento, e riscalda il liquido che passa allo stato gassoso. Il compressore cattura il gas e lo comprime facendo in modo che si innalzi la temperatura fino a un livello di 100° C. Il calore prodotto viene ceduto all’acqua attraverso uno scambiatore di calore. Questo sistema, dal funzionamento piuttosto semplice, ha un’alta efficienza energetica e consente un risparmio, rispetto ai sistemi tradizionali, di circa il 65%.

E’ prevista la detrazione fiscale della spesa sostenuta, con certificazione energetica dell’edificio, pari al 65% in 10 anni direttamente in dichiarazione dei redditi.

Per Info: energia@erretresrls.com

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 2 Email -- 2 Flares ×

Articoli Correlati:

Tags: , ,

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 2 Email -- 2 Flares ×